Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
Ok

Una ragione inquieta

Interventi e riflessioni nelle pieghe del nostro tempo

Versione
cartacea
€ 16,00
Disponibile
Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 13.90
Tipologia
ISBN
9788874701285
Genere
Altri generi
Collana
Formato
14x19
Anno
Note
brossurato con alette
Solo quando ci si imbatte in una possibile risposta alla nostra inquieta ricerca si comincia veramente a domandare.

Questo libro è il racconto, e insieme la testimonianza in prima persona, di un pensiero per così dire “al lavoro”, in cui non si tratta semplicemente di esporre tesi, sostenere opinioni o elaborare “punti di vista”, quanto piuttosto di fare attenzione e riconoscere quando, e come, gli eventi, gli incontri, le idee mettano in questione la nostra ragione, la provochino a domandare, a cercare il significato di sé e del mondo. E solo grazie a questa messa in questione della nostra ragione essa si scopre a sua volta capace di porre e di mantenere aperte le questioni decisive per il nostro tempo.
Per questo l’inquietudine non è uno stato d’animo particolare in cui il nostro io venga a trovarsi in determinate situazioni o di fronte a certi problemi, ma costituisce per così dire la stoffa della nostra ragione, vale a dire il suo dinamismo più proprio e il suo metodo permanente.
Tutte le volte che tentiamo di costruire strategicamente noi, con le nostre misure concettuali, il senso della realtà, considerandolo appunto un prodotto della nostra mente o della cultura e della struttura sociale in cui viviamo; ma anche tutte le volte che lo dichiariamo impossibile, quel senso, perché semplicemente immaginato, illusorio, inesistente, torna sempre a farsi vivo – inevitabilmente, ostinatamente – il desiderio di capire, di conoscere, di aderire a ciò che ci accade e, in definitiva, a ciò che noi stessi siamo, senza mai riuscire a coincidere con esso.
E questa tensione sempre aperta della ricerca, questa inquietudine razionale non viene a cessare qualora si imbatta in una risposta: al contrario, è solo quando si delinea almeno l’ipotesi di una risposta reale che noi cominciamo veramente a domandare.
Il libro raccoglie articoli, interventi, relazioni dell’autore organizzati in quattro sezioni tematiche : 1. L’io, la razionalità, l’educazione; 2. Libertà vs verità?; 3. La sfida del nichilismo; 4. Accogliere il reale, desiderare l’infinito, introdotte da una intervista all’autore: L’età dell’incertezza.
Solo quando ci si imbatte in una possibile risposta alla nostra inquieta ricerca si comincia veramente a domandare.

Questo libro è il racconto, e insieme la testimonianza in prima persona, di un pensiero per così dire “al lavoro”, in cui non si tratta semplicemente di esporre tesi, sostenere opinioni o elaborare “punti di vista”, quanto piuttosto di fare attenzione e riconoscere quando, e come, gli eventi, gli incontri, le idee mettano in questione la nostra ragione, la provochino a domandare, a cercare il significato di sé e del mondo. E solo grazie a questa messa in questione della nostra ragione essa si scopre a sua volta capace di porre e di mantenere aperte le questioni decisive per il nostro tempo.
Per questo l’inquietudine non è uno stato d’animo particolare in cui il nostro io venga a trovarsi in determinate situazioni o di fronte a certi problemi, ma costituisce per così dire la stoffa della nostra ragione, vale a dire il suo dinamismo più proprio e il suo metodo permanente.
Tutte le volte che tentiamo di costruire strategicamente noi, con le nostre misure concettuali, il senso della realtà, considerandolo appunto un prodotto della nostra mente o della cultura e della struttura sociale in cui viviamo; ma anche tutte le volte che lo dichiariamo impossibile, quel senso, perché semplicemente immaginato, illusorio, inesistente, torna sempre a farsi vivo – inevitabilmente, ostinatamente – il desiderio di capire, di conoscere, di aderire a ciò che ci accade e, in definitiva, a ciò che noi stessi siamo, senza mai riuscire a coincidere con esso.
E questa tensione sempre aperta della ricerca, questa inquietudine razionale non viene a cessare qualora si imbatta in una risposta: al contrario, è solo quando si delinea almeno l’ipotesi di una risposta reale che noi cominciamo veramente a domandare.
Il libro raccoglie articoli, interventi, relazioni dell’autore organizzati in quattro sezioni tematiche : 1. L’io, la razionalità, l’educazione; 2. Libertà vs verità?; 3. La sfida del nichilismo; 4. Accogliere il reale, desiderare l’infinito, introdotte da una intervista all’autore: L’età dell’incertezza.
continua a leggere
© Itaca srl - P.IVA 02014470393 - 2007-2015 - Tutti i diritti riservati - Informazioni societarie -
Grafica e Comunicazione:
Andrea Cimatti

Piattaforma eCommerce e Sviluppo sito:
Endurance
Credits