Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie. Ulteriori informazioni
Ok

Un cuore più grande della guerra

I canti del popolo soldato attraverso la Grande Guerra

Versione
cartacea
€ 10,00
Disponibile
Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 14.90
Tipologia
ISBN
9788852604393
Genere
Altri generi
Editore
Pagine
48
Formato
19,7x24,5
Anno
Note

Il centenario dell’entrata nella Prima Guerra Mondiale dell’Italia costituisce un’occasione per una riflessione sul tema della guerra e dell’umanità dei popoli che vivono le guerre, in uno scenario mondiale che ne è segnato drammaticamente come quello odierno. Tra i tanti punti di vista con cui si può guardare questo evento vi sono i canti della Grande Guerra, che sono giunti a noi a testimonianza di un cuore più grande della guerra.

Nei canti, anche i più tristi e drammatici, non vi è traccia di recriminazione e di disperazione, ma anzi un senso di compassione e di speranza. In essi sentiamo vibrare nostalgia, malinconia, avvertita mancanza o lontananza di qualcosa o qualcuno che colmi il cuore umano. La semplicità delle esperienze umane consegnate ai canti più belli giunge a questo vertice di attesa, all’espressione del bisogno costitutivo del cuore umano. Nella dimensione musicale, il presentimento della reale profondità del desiderio umano e di una possibile pienezza si fa esperienza.

Il centenario dell’entrata nella Prima Guerra Mondiale dell’Italia costituisce un’occasione per una riflessione sul tema della guerra e dell’umanità dei popoli che vivono le guerre, in uno scenario mondiale che ne è segnato drammaticamente come quello odierno. Tra i tanti punti di vista con cui si può guardare questo evento vi sono i canti della Grande Guerra, che sono giunti a noi a testimonianza di un cuore più grande della guerra.

Nei canti, anche i più tristi e drammatici, non vi è traccia di recriminazione e di disperazione, ma anzi un senso di compassione e di speranza. In essi sentiamo vibrare nostalgia, malinconia, avvertita mancanza o lontananza di qualcosa o qualcuno che colmi il cuore umano. La semplicità delle esperienze umane consegnate ai canti più belli giunge a questo vertice di attesa, all’espressione del bisogno costitutivo del cuore umano. Nella dimensione musicale, il presentimento della reale profondità del desiderio umano e di una possibile pienezza si fa esperienza.

continua a leggere
© Itaca srl - P.IVA 02014470393 - 2007-2015 - Tutti i diritti riservati - Informazioni societarie -
Grafica e Comunicazione:
Andrea Cimatti

Piattaforma eCommerce e Sviluppo sito:
Endurance
Credits