Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita per ordini superiori a € 29,90

Prima che faccia notte

Racconti e scritti inediti

Versione cartacea

A cura di: Edoardo Rialti
Editore: RIZZOLI
Pagine: 136
Genere: Letteratura inglese
Altri generi: Racconti
ISBN: 9788817007610
Tipologia: Libro
Formato: 13x20
Collana:
Anno di edizione:
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 9,20

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 20.70
A cura di: Edoardo Rialti
Editore: RIZZOLI
Pagine: 136
Genere: Letteratura inglese
Altri generi: Racconti
ISBN: 9788817007610
Tipologia: Libro
Formato: 13x20
Collana: I libri dello spirito cristiano
Anno di edizione: 2005
«Le storie pagane sono Dio che esprime Se stesso attraverso la mente dei poeti, facendo uso delle immagini che vi ha trovato, mentre il Cristianesimo è Dio che esprime Se stesso attraverso quello che chiamiammo "realtà"».

Pieno di invenzioni e verve, ecco un narratore di classe.
Per la prima volta in Italia i racconti inediti e una preziosa antologia delle lettere di Clive Staples Lewis, insigne medievista e scrittore inglese, amico e collega di Tolkien.

Prefazione di Thomas Howard
Nato a Belfast nel 1898, dopo la morte di sua madre, nel 1908, per C.S. LEWIS iniziò un travagliato curriculum scolastico, finché dal 1914 al 1917 ricevette un'istruzione privata. Vinta una borsa di studio per l'University College di Oxford, studiò lì dal 1917, anno in cui venne chiamato alle armi. Ferito, tornrò a Oxford dopo la guarigione nel 1919, per laurearvisi nel 1923 a pieni voti in Lingua e Letteratura inglese. Ateo nella prima parte della sua vita, nel 1929 si converte al cristianesimo. A Oxford strinse amicizia con J.R. Tolkien e con Charles Williams, e fu fellow e tutor di inglese per molti anni, prima di passare nel 1954 all'Università di Cambridge come professore di Inglese medievale e rinascimentale, cattedra da cui si dimise nel 1963. Morì in quello stesso anno, il 22 novembre. Autore di importanti testi teorici di argomento letterario e religioso, fu anche scrittore prolifico e popolarissimo ed ebbe grande successo con il pamphlet Le lettere di Berlicche e con i romanzi fantascientifici del ciclo «Perelandra». I sette romanzi sul paese fantastico di Narnia sono la sua unica opera per l'infanzia.