Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita in Italia per ordini superiori a € 29,90

Il libro di Benjamin

Versione cartacea

Editore: IPERBOREA
Pagine: 228
Genere: Letteratura nordica
ISBN: 9788870911107
Tipologia: Libro
Formato: 10 x 20
Anno di edizione:
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 15,00

Disponibile

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 14.90
Editore: IPERBOREA
Pagine: 228
Genere: Letteratura nordica
ISBN: 9788870911107
Tipologia: Libro
Formato: 10 x 20
Anno di edizione: 2003
Il sessantaduenne Benjamin Trogen, traduttore finno-svedese, ha dedicato tutta la vita alla devota trascrizione di testi scientifici e storici. Una notte si sveglia d’improvviso in preda all’angoscia; è una frase in finlandese che ha tormentato il suo sonno: “Ota Olli pitkä reissu - Olli prendi un lungo viaggio”, ovvero “Va’ a quel paese”. La frase gli fa tornare in mente un episodio accadutogli quando aveva sette anni: l’incidente capitato al compagno di giochi d’infanzia Olli in riva al lago, il tuffo da un pontile che procurò all’amico-rivale un danno psichico permanente, poco dopo che Benjamin gli aveva lanciato una violenta imprecazione, “Ota Olli pitkä reissu” per l’appunto, e lo aveva malmenato durante una delle solite discussioni tra i due. Il romanzo di Carpelan non è altro che il diario di Benjamin, il diario di un anziano traduttore impegnato da sempre a lavorare su opere altrui, che sente ora la necessità di scrivere, di riflettere sulla sua esistenza, “ogni volta che scrivo, scrivo da solo, come se gli anni da traduttore fossero una sorta di maggese, sottobosco e fossati vengono adesso alla luce in tutta la loro sgradevolezza”. Tormentato dal senso di colpa per quel che è accaduto a Olli, Benjamin trova nel diario uno strumento per conoscere se stesso, per recuperare un passato a lungo rimosso.

Bo Carpelan, nato a Helsinki nel 1926, è una delle voci più rappresentative della letteratura della minoranza svedese di Finlandia. Debutta come poeta nell’immediato dopoguerra ed è autore dal 1946 a oggi di diciassette raccolte di liriche. Carpelan è anche romanziere, traduttore, critico letterario, autore di libri per ragazzi e radiodrammi. Tra i suoi romanzi più conosciuti Le voci a tarda ora del 1971 e Axel del 1986, considerato il suo capolavoro. Benjamins Bok, del 1997, è il suo settimo e più recente romanzo. Ha vinto numerosi premi letterari, tra i quali il prestigioso Premio del Consiglio Nordico nel 1977.