spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita in Italia per ordini superiori a € 29,90

La ragazza che guardava il cielo

Storia di una grazia inattesa

Versione cartacea

Editore: RIZZOLI
Genere: Storie di vita
Altri generi: Testimonianze
ISBN: 9788817080750
Tipologia: Libro
Formato: 14x21
Anno di edizione:
Tag: Visti su "AIC"
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 10,00

Disponibile in circa 3/4 gg

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 19.90
Editore: RIZZOLI
Genere: Storie di vita
Altri generi: Testimonianze
ISBN: 9788817080750
Tipologia: Libro
Formato: 14x21
Anno di edizione: 2015
Tag: Visti su "AIC"
"Questo libro è la storia di Zamu e dei suoi amici, persone ignote e misere, ma veri giganti della nostra umanità e del nostro tempo, dono prezioso alle nostre vite". Medico varesino che negli anni Ottanta e Novanta ha vissuto in una Uganda messa in ginocchio dalla piaga dell'Aids, Alberto Reggiori ci offre la preziosa testimonianza di un incontro che ha segnato la sua vita: quello con Zamu, nata nel 1962, sposa e madre bambina, rimasta vedova giovanissima, sopravvissuta alla guerra civile, ammalatasi di Aids e salvata proprio dal medico italiano. In questo racconto drammatico e commovente, Reggiori ripercorre l'incredibile percorso di Zamu, dai momenti più duri fino alla rinascita grazie all'incontro con gli uomini e le donne dell'Avsi, la scoperta dell'assoluto e la scelta di mettersi lei stessa al servizio dei malati. Una storia vera, piena di speranza, una vita toccata dall'incontro con il mistero del divino che parla al cuore di ognuno di noi.

Prefazione di Antonio Socci

Alberto Reggiori nasce a Varese nel 1957. Laureatosi in Medicina con specializzazione in chirurgia d'urgenza, si sposa con Patrizia nel 1983. Nel 1985 parte per l'Uganda, dove lavora in diversi ospedali governativi, anche in periodi di guerra civile e instabilità sociale, in programmi gestiti da AVSI e Unicef. Tre dei loro sette figli lì vengono al mondo. Nel 1996 rientra in Italia; attualmente lavora in un reparto di chirurgia a Varese. Tutt'oggi continua la sua collaborazione con progetti sanitari e sociali d'urgenza in regioni critiche compiendo brevi missioni in Uganda, Rwanda, Albania, Kazakistan, Messico, Bosnia e Iraq.