Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
Ok

RUSSIA 1917

Il sogno infranto di un "mondo mai visto"

Versione
cartacea
€ 12,00 ( -15%)
€ 10,20
Disponibile
Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 17.90
Tipologia
ISBN
9788897455301
Genere
Altri generi
Pagine
192
Formato
14,5x21
Anno
Alcuni vi percepirono la realizzazione del Magnificat con i potenti rovesciati dai troni, altri vi riconobbero una catastrofe paragonabile al suicidio di un popolo. A cento anni di distanza, il carattere tragico della rivoluzione russa è indiscutibile, eppure restano dei nodi che ancora meritano di essere approfonditi: un paese florido che si sgretola comw un guscio vuoto; una Chiesa onnipresente che non riesce a proporre una via pacifica per superare le divisioni; un evento che sembrava localizzato in un paese ai confini dell'Europa che si rivela l'origine di un fenomeno mondiale e appare oggi come il compimento di un processo europeo: "E' la Chiesa che ha abbandonato il popolo o è il popolo che ha abbandonato la Chiesa?" si sarebbe chiesto una ventina di anni prima Eliot uno dei pensatori, ex marxisti approdati al cristianesimo (Berdjaev, Bulgakov, Frank, sopra tutti)  che ci guidano alla rilettura del 1917
Alcuni vi percepirono la realizzazione del Magnificat con i potenti rovesciati dai troni, altri vi riconobbero una catastrofe paragonabile al suicidio di un popolo. A cento anni di distanza, il carattere tragico della rivoluzione russa è indiscutibile, eppure restano dei nodi che ancora meritano di essere approfonditi: un paese florido che si sgretola comw un guscio vuoto; una Chiesa onnipresente che non riesce a proporre una via pacifica per superare le divisioni; un evento che sembrava localizzato in un paese ai confini dell'Europa che si rivela l'origine di un fenomeno mondiale e appare oggi come il compimento di un processo europeo: "E' la Chiesa che ha abbandonato il popolo o è il popolo che ha abbandonato la Chiesa?" si sarebbe chiesto una ventina di anni prima Eliot uno dei pensatori, ex marxisti approdati al cristianesimo (Berdjaev, Bulgakov, Frank, sopra tutti)  che ci guidano alla rilettura del 1917
continua a leggere
© Itaca srl - P.IVA 02014470393 - 2007-2015 - Tutti i diritti riservati - Informazioni societarie -
Grafica e Comunicazione:
Andrea Cimatti

Piattaforma eCommerce e Sviluppo sito:
Endurance
Credits