Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie. Ulteriori informazioni
Ok

Segni, sogni e numeri

La cultura e l'immaginario medievale

Versione
cartacea
€ 10,00
Disponibile
Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 14.90
Tipologia
ISBN
9788852601774
Genere
Altri generi
Editore
Pagine
72
Formato
17x24
Anno
Note
inserto fotografico a colori
Questo volume nasce dalla rielaborazione di una mostra sulle costanti culturali rintracciabili nella visione medievale dell’uomo e del mondo di cui offre un quadro insieme agile e preciso, analitico e sintetico.
La cordialità e la competenza con cui gli autori approcciano questa epoca storica consentono di apprezzare il rapporto fecondo tra fede e ragione che ha caratterizzato la civiltà cristiana medievale e che solo più tardi si è incrinato con grave danno per l’Occidente nel suo complesso.
Ma, trattandosi di un lavoro nato nella scuola, il suo motivo di interesse principale non può che essere di ordine metodologico e didattico: non ha quindi la pretesa di dire cose nuove sul Medioevo, quanto quella di documentare la possibilità di un avvenimento educativo, di un lavoro culturale in cui insegnanti e studenti si scoprono insieme, accomunati da una domanda sulla realtà e da un tentativo appassionante di trovare le risposte, fino ad accorgersi che si è fatto qualcosa di nuovo e di utile anche per gli altri, che attraverso un lavoro si può entrare in un rapporto giusto, costruttivo, col mondo.

Percorso di lavoro realizzato dal Liceo scientifico paritario ”T. Olivelli”, Pavia
A cura di Marzia Bambozzi, Anna Pagetti, Marco Radaelli, Roberta Righetto,
Anna Maria Sala, Laura Venghi

Con il contributo di Antonia Accettone
Questo volume nasce dalla rielaborazione di una mostra sulle costanti culturali rintracciabili nella visione medievale dell’uomo e del mondo di cui offre un quadro insieme agile e preciso, analitico e sintetico.
La cordialità e la competenza con cui gli autori approcciano questa epoca storica consentono di apprezzare il rapporto fecondo tra fede e ragione che ha caratterizzato la civiltà cristiana medievale e che solo più tardi si è incrinato con grave danno per l’Occidente nel suo complesso.
Ma, trattandosi di un lavoro nato nella scuola, il suo motivo di interesse principale non può che essere di ordine metodologico e didattico: non ha quindi la pretesa di dire cose nuove sul Medioevo, quanto quella di documentare la possibilità di un avvenimento educativo, di un lavoro culturale in cui insegnanti e studenti si scoprono insieme, accomunati da una domanda sulla realtà e da un tentativo appassionante di trovare le risposte, fino ad accorgersi che si è fatto qualcosa di nuovo e di utile anche per gli altri, che attraverso un lavoro si può entrare in un rapporto giusto, costruttivo, col mondo.

Percorso di lavoro realizzato dal Liceo scientifico paritario ”T. Olivelli”, Pavia
A cura di Marzia Bambozzi, Anna Pagetti, Marco Radaelli, Roberta Righetto,
Anna Maria Sala, Laura Venghi

Con il contributo di Antonia Accettone
continua a leggere
© Itaca srl - P.IVA 02014470393 - 2007-2015 - Tutti i diritti riservati - Informazioni societarie -
Grafica e Comunicazione:
Andrea Cimatti

Piattaforma eCommerce e Sviluppo sito:
Endurance
Credits