Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita in Italia per ordini superiori a € 29,90

S.O.S. Educazione

Statale, paritaria: per una scuola migliore

Versione cartacea

A cura di: Giorgio Vittadini, Luisa Ribolzi
Editore: FONDAZIONE SUSSIDIARIETA'
Pagine: 240
Genere: Scuola
ISBN: 9788897793106
Tipologia: Libro
Formato: 14x21
Collana:
Anno di edizione:
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 11,40 € 12,00
-5%

Disponibile

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 18.50
A cura di: Giorgio Vittadini, Luisa Ribolzi
Editore: FONDAZIONE SUSSIDIARIETA'
Pagine: 240
Genere: Scuola
ISBN: 9788897793106
Tipologia: Libro
Formato: 14x21
Collana: Punto di Fuga
Anno di edizione: 2014
Il presente volume intende fare il punto sulla situazione del sistema scolastico italiano e sul ruolo che in esso svolge la scuola paritaria, analizzandone le dimensioni numeriche, gli andamenti, gli esiti in termini di apprendimento, i costi e le caratteristiche degli “imprenditori educativi”.
L’ottica degli autori è quella di offrire una serie di contributi in vista di un allineamento dell’Italia al sistema europeo, alla luce delle best practices già realizzate in altri Paesi dell’UE e negli USA.
Nel lanciare un “SOS educazione”, il volume invita a evitare in ogni modo posizioni viziate da un approccio ideologico, che da troppo tempo condiziona la riflessione sul tema di come attuare una effettiva parità tra scuola statale e scuola paritaria.
L’ipotesi di partenza è che solo adottando un atteggiamento pragmatico e innovativo capace di tenere in considerazione il maggior numero di fattori, sarà possibile realizzare un sistema scolastico nazionale, secondo il dettato della Legge62/2000, il che non significa in alcun modo omologare l’offerta formativa, se non in termini di affidabilità e di qualità.
L’emergenza educativa, che ormai è sotto gli occhi di tutti in Italia, impone uno sforzo di riflessione e di proposta che valorizzi il contributo di ciascuno – al di là degli schieramenti culturali e politici – in vista di una scuola migliore, a vantaggio di tutti: studenti, insegnanti, genitori e dell’intera società.
Chiunque rinunci per pregiudizio o indifferenza a esercitare questo compito di riflessione abdica a una responsabilità storica dalla quale dipende il futuro del nostro Paese.