Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
Ok

Oltre ogni limite

Nazarena monaca reclusa 1945-1990

Versione
cartacea
€ 18,00 ( -15%)
€ 15,30
Disponibile
Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 11.90
Tipologia
ISBN
9788852605789
Genere
Altri generi
Editore
Curatore
Emanuela Ghini
Pagine
272
Formato
14x21
Anno
Note
Suor Nazarena, monaca camaldolese morta a Roma nel 1990, ha vissuto per oltre 40 anni volontariamente reclusa in una cella non per una fuga o per disprezzo del mondo, ma per amore a Cristo e ai fratelli: «L’amore per Gesù e i fratelli divori il mio cuore in un martirio di amore ignoto anche a me stessa».

«… tutto il suo cammino, umanamente impervio e folle, e pure – è questo lo sconcertante paradosso – incredibilmente gioioso».
Stefano Res

«L’equilibrio e la serenità di Nazarena, che ha vissuto oggi un’esperienza come quella dei padri del deserto, è miracolo evidente di una presenza di Dio nella notte del mondo».
Divo Barsotti

«Nazarena ci ricorda che esiste una straordinaria strada in cui il perdere è trovare, il silenzio è parola, il distacco è arricchimento, la solitudine è calore e intimità».
Gianfranco Ravasi

«Leggendo le sue lettere, ci appare come una di quelle donne – e sono molte – che lungo la storia «hanno salvato la loro anima gettandola nel solo luogo possibile»: Cristo; donne che “reggono il mondo assetato di morte”. Se l’amore è inutile, Nazarena ha scritto il miglior elogio dell’inutile».
Sandro Carotta

Prefazione di Stefano Res
Postfazione di Sandro Carotta

Suor Nazarena, monaca camaldolese morta a Roma nel 1990, ha vissuto per oltre 40 anni volontariamente reclusa in una cella non per una fuga o per disprezzo del mondo, ma per amore a Cristo e ai fratelli: «L’amore per Gesù e i fratelli divori il mio cuore in un martirio di amore ignoto anche a me stessa».

«… tutto il suo cammino, umanamente impervio e folle, e pure – è questo lo sconcertante paradosso – incredibilmente gioioso».
Stefano Res

«L’equilibrio e la serenità di Nazarena, che ha vissuto oggi un’esperienza come quella dei padri del deserto, è miracolo evidente di una presenza di Dio nella notte del mondo».
Divo Barsotti

«Nazarena ci ricorda che esiste una straordinaria strada in cui il perdere è trovare, il silenzio è parola, il distacco è arricchimento, la solitudine è calore e intimità».
Gianfranco Ravasi

«Leggendo le sue lettere, ci appare come una di quelle donne – e sono molte – che lungo la storia «hanno salvato la loro anima gettandola nel solo luogo possibile»: Cristo; donne che “reggono il mondo assetato di morte”. Se l’amore è inutile, Nazarena ha scritto il miglior elogio dell’inutile».
Sandro Carotta

Prefazione di Stefano Res
Postfazione di Sandro Carotta

continua a leggere
© Itaca srl - P.IVA 02014470393 - 2007-2015 - Tutti i diritti riservati - Informazioni societarie -
Grafica e Comunicazione:
Andrea Cimatti

Piattaforma eCommerce e Sviluppo sito:
Endurance
Credits