Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
Ok

Misurare il desiderio infinito?

La qualità della vita

Versione
cartacea
€ 2,50 ( -15%)
€ 2,13
Disponibile
Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 27.40
Tipologia
ISBN
9788852601842
Genere
Editore
Collana
Curatore
Paola Marenco, Giorgio Bordin
Pagine
120
Formato
22,5x22,5
Anno
Note
a colori
«La medicina si occupa sempre di più di rendere migliore la vita dell’uomo, anche quando non può più fare nulla per preservarla o prolungarla.
Viviamo però (e non era mai successo prima) un clima culturale che considera le circostanze e le condizioni in cui ci troviamo a vivere, quasi più “decisive” del vivere stesso. Quasi che il desiderio strutturale dell’uomo di Infinito (“di non finire”) fosse sconfitto; come se la positività ultima della vita non fosse più un’esperienza possibile in determinate condizioni.
Ma è ragionevole, possibile cercare di contribuire a migliorare la vita degli uomini, cercando di determinarne la qualità? E quali strumenti sono necessari, con quale metodo avvicinarsi ad un mistero così grande e profondo come quello della vita di ogni singolo uomo?
“Tutto concorre al bene per coloro che amano Dio”, questa frase di Paolo indica forse l’unica condizione che rende qualsiasi tentativo umano, non violento né artificioso, ma fruttuoso di conoscenza e di bene.
Tutto può essere misteriosamente positivo quando ci si accosta all’uomo, quando ci accostiamo ad un altro, ricordandoci del desiderio di infinito che costituisce la natura più profonda ed intangibile del nostro io.
La mostra vuole essere un’avventura da percorrere, scoprendo in noi la ragione di tale prospettiva».

dall'introduzione di Felice Achilli

A cura di Paola Marenco, Giorgio Bordin
In collaborazione con Medicina e Persona

Catalogo della mostra realizzata in occasione della XXIX edizione del Meeting per l'amicizia fra i popoli (Rimini)
«La medicina si occupa sempre di più di rendere migliore la vita dell’uomo, anche quando non può più fare nulla per preservarla o prolungarla.
Viviamo però (e non era mai successo prima) un clima culturale che considera le circostanze e le condizioni in cui ci troviamo a vivere, quasi più “decisive” del vivere stesso. Quasi che il desiderio strutturale dell’uomo di Infinito (“di non finire”) fosse sconfitto; come se la positività ultima della vita non fosse più un’esperienza possibile in determinate condizioni.
Ma è ragionevole, possibile cercare di contribuire a migliorare la vita degli uomini, cercando di determinarne la qualità? E quali strumenti sono necessari, con quale metodo avvicinarsi ad un mistero così grande e profondo come quello della vita di ogni singolo uomo?
“Tutto concorre al bene per coloro che amano Dio”, questa frase di Paolo indica forse l’unica condizione che rende qualsiasi tentativo umano, non violento né artificioso, ma fruttuoso di conoscenza e di bene.
Tutto può essere misteriosamente positivo quando ci si accosta all’uomo, quando ci accostiamo ad un altro, ricordandoci del desiderio di infinito che costituisce la natura più profonda ed intangibile del nostro io.
La mostra vuole essere un’avventura da percorrere, scoprendo in noi la ragione di tale prospettiva».

dall'introduzione di Felice Achilli

A cura di Paola Marenco, Giorgio Bordin
In collaborazione con Medicina e Persona

Catalogo della mostra realizzata in occasione della XXIX edizione del Meeting per l'amicizia fra i popoli (Rimini)
continua a leggere
© Itaca srl - P.IVA 02014470393 - 2007-2015 - Tutti i diritti riservati - Informazioni societarie -
Grafica e Comunicazione:
Andrea Cimatti

Piattaforma eCommerce e Sviluppo sito:
Endurance
Credits