Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
Ok

La Nuova Europa 1/2014. Majdan: l'imprevisto in piazza

Versione
cartacea
€ 7,00
Disponibile
Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 22.90
Tipologia
ISBN
NUOVAEUR01144
Genere
Altri generi
Pagine
96
Formato
17x21
Anno
SOMMARIO

MAJDAN: L’IMPREVISTO IN PIAZZA
Il dramma del Majdan di Kiev è ancora in pieno svolgimento, anche se si è trasferito in altre regioni, coinvolgendo cerchie sempre più vaste di pacifici cittadini.
La prima scintilla sono state le manifestazioni di alcune migliaia di giovani a sostegno dell’Europa, ma poi è stato un crescendo che ha sconvolto gli scenari politici e aperto le porte all’imprevisto.
La lunga protesta di Kiev si è posta come una pietra miliare, un punto di svolta. Per capire e fissare nella memoria, offriamo la cronologia puntuale degli eventi e le testimonianze più significative attorno a questa cronaca che già è diventata storia.

ATTI DEL CONVEGNO (2): Identità, alterità, universalità – sessione moscovita
Con la sessione moscovita di novembre si è concluso il convegno annuale di Russia Cristiana. A Mosca sono intervenuti Marta Cartabia (Cristiani nella vita pubblica), Paul Bhatti (In nome della libertà religiosa e della dignità umana), Jordi Faulí (La Sagrada Família: storia, progetto e attualità), Mariella Carlotti (Creatività e tradizione nella Sagrada Família), Angelo Scola (Cristiani in una società plurale) ed Elvira Parravicini (Ogni vita è una promessa).

IN MEMORIA
Esce dalla scena politica polacca Tadeusz Mazowiecki, una delle figure carismatiche di Solidarnosc, «padre della Polonia libera e architetto dell’indipendenza nazionale». Luigi Geninazzi ne ripercorre la biografia: gli inizi della sua vita pubblica come deputato, l'amicizia con Walesa, il suo stile in grado di raggiungere compromessi vantaggiosi per tutti, il suo ruolo di statista dopo l'89.
SOMMARIO

MAJDAN: L’IMPREVISTO IN PIAZZA
Il dramma del Majdan di Kiev è ancora in pieno svolgimento, anche se si è trasferito in altre regioni, coinvolgendo cerchie sempre più vaste di pacifici cittadini.
La prima scintilla sono state le manifestazioni di alcune migliaia di giovani a sostegno dell’Europa, ma poi è stato un crescendo che ha sconvolto gli scenari politici e aperto le porte all’imprevisto.
La lunga protesta di Kiev si è posta come una pietra miliare, un punto di svolta. Per capire e fissare nella memoria, offriamo la cronologia puntuale degli eventi e le testimonianze più significative attorno a questa cronaca che già è diventata storia.

ATTI DEL CONVEGNO (2): Identità, alterità, universalità – sessione moscovita
Con la sessione moscovita di novembre si è concluso il convegno annuale di Russia Cristiana. A Mosca sono intervenuti Marta Cartabia (Cristiani nella vita pubblica), Paul Bhatti (In nome della libertà religiosa e della dignità umana), Jordi Faulí (La Sagrada Família: storia, progetto e attualità), Mariella Carlotti (Creatività e tradizione nella Sagrada Família), Angelo Scola (Cristiani in una società plurale) ed Elvira Parravicini (Ogni vita è una promessa).

IN MEMORIA
Esce dalla scena politica polacca Tadeusz Mazowiecki, una delle figure carismatiche di Solidarnosc, «padre della Polonia libera e architetto dell’indipendenza nazionale». Luigi Geninazzi ne ripercorre la biografia: gli inizi della sua vita pubblica come deputato, l'amicizia con Walesa, il suo stile in grado di raggiungere compromessi vantaggiosi per tutti, il suo ruolo di statista dopo l'89.
continua a leggere
© Itaca srl - P.IVA 02014470393 - 2007-2015 - Tutti i diritti riservati - Informazioni societarie -
Grafica e Comunicazione:
Andrea Cimatti

Piattaforma eCommerce e Sviluppo sito:
Endurance
Credits