Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita per ordini superiori a 29.90 €

La carità costruisce sempre

Friuli 1976-2016. Il terremoto, i volontari, don Villa, la scuola e Radio Camilla

Versione cartacea

Editore: PICCOLA CASA EDITRICE
Genere: Cristianesimo
ISBN: 9788899103538
Tipologia: Libro
Formato: 20x20
Anno di edizione:
Note: contiene fotografie in b/n
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 9,50 € 10,00
-5%

Disponibile

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 19.90
Editore: PICCOLA CASA EDITRICE
Genere: Cristianesimo
ISBN: 9788899103538
Tipologia: Libro
Formato: 20x20
Anno di edizione: 2016
Note: contiene fotografie in b/n
Il 6 maggio 1976 un terremoto violentissimo colpisce il Friuli e rade al suolo interi paesi tra le province di Udine e Pordenone. Un migliaio i morti, circa tremila i feriti. Più di 80.000 persone rimangono senza casa. Scatta immediata la gara di solidarietà; la mobilitazione è generale.
Don Giussani si precipita a Udine per offrire la disponibilità di tutto il movimento di Comunione e Liberazione all’arcivescovo
della città che lo invita a dare aiuto direttamente ai parroci della zona. Alcuni tra ingegneri e sacerdoti di CL partono subito per i comuni più colpiti.
Don Antonio Villa, canonico di San Babila a Milano, il 19 maggio è con Giussani a Tarcento, in provincia di Udine.
Il racconto di una presenza che ha coinvolto don Villa e un gruppo di volontari provenienti da tutta Italia. Dopo l’estate vissuta insieme ai bambini nelle tende, si ritrovano a condividere insieme alla popolazione un’avventura educativa che dura da quarant’anni. Una cooperativa scolastica gestita da genitori e insegnanti che sono coinvolti, insieme ai ragazzi, nella responsabilità di viverla insieme. La testimonianza di come l’amore totalmente gratuito fa nascere dalla solidarietà un’opera che ha come orizzonte una costruzione senza misure, che è per sempre