Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita per ordini superiori a € 29,90

Il destino della libertà

Quale società dopo la crisi economica?

Versione cartacea

Editore: CITTA' NUOVA
Genere: Attualità
ISBN: 9788831175227
Tipologia: Libro
Formato: 11,3x18,3
Anno di edizione:
Note: brossurato con alette
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 12,00

Disponibile

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 17.90
Editore: CITTA' NUOVA
Genere: Attualità
ISBN: 9788831175227
Tipologia: Libro
Formato: 11,3x18,3
Anno di edizione: 2016
Note: brossurato con alette
L'anelito di libertà ha attraversato tutta la storia dell'umanità. Il desiderio e la volontà di essere liberi ha prodotto movimenti politici, ordinamenti giuridici e sistemi economici; ha modificato comportamenti, tradizioni e costumi; ha generato simboli, idee e identità culturali. Oggi, però, la società occidentale ha l'ostentata presunzione di definirsi come una società autenticamente libera. Partendo da questo presupposto, uno dei più importanti intellettuali odierni, Zygmunt Bauman, il teorico della società liquida, e i sociologi Mauro Magarti e Chiara Giaccardi riflettono sull'esito paradossale che ha avuto il poderoso sviluppo economico degli ultimi quarant'anni. Da un lato, ha indubbiamente ampliato la libertà degli esseri umani perché ha aumentato a dismisura le potenzialità di scelta dell'individuo e ha sottratto una parte dell'umanità dai millenari vincoli imposti dalla natura; dall'altro lato, però, ha ingabbiato l'uomo moderno in una concezione radicalmente individualistica dell'esistenza umana, finendo per renderlo prigioniero del consumismo, degli apparati tecno-economici e della volontà di affermare se stesso. Cosa significa, dunque, essere liberi? Mai come oggi, di fronte ai profondi mutamenti sociali, culturali ed economici che stanno caratterizzando il mondo contemporaneo, è importante porsi questo interrogativo. Perché, in fondo, come ha scritto Bauman "la libertà è il nostro destino: una sorte che non può essere ignorata e non ci abbandona mai".