Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita per ordini superiori a 29.90 €

Danzica 1980

Solidarność

Versione cartacea

A cura di: Sandro Chierici, Annalia Guglielmi, Daria Rescaldani
Editore: ITACA
Pagine: 84
Genere: Storia e civiltà
ISBN: 9788852602283
Tipologia: Libro
Formato: 21x20
Collana:
Anno di edizione:
Note: fotografie a colori
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 8,50 € 10,00
-15%

Disponibile

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 19.90
A cura di: Sandro Chierici, Annalia Guglielmi, Daria Rescaldani
Editore: ITACA
Pagine: 84
Genere: Storia e civiltà
ISBN: 9788852602283
Tipologia: Libro
Formato: 21x20
Collana: Cataloghi
Anno di edizione: 2010
Note: fotografie a colori
La vicenda di Solidarność si pone dentro la rivolta operaia dei cantieri navali di Danzica come esperienza umana radicata nell’identità nazionale, culturale e religiosa della Polonia, capace di far resuscitare la speranza e di ricostruire un tessuto sociale.
L’orizzonte della mostra si allarga oltre i limiti della vicenda storica – lo sciopero, gli accordi, il tentativo di proporre l’esperienza di un sindacato libero all’interno del regime comunista, la risposta del potere culminata nella dichiarazione dello stato di guerra del dicembre 1981 e la successiva repressione – per proporre una riflessione sulla partecipazione dell’uomo alla costruzione della società attraverso il recupero del significato del lavoro e del proprio impegno civile.

Catalogo della mostra realizzata e organizzata per la XXXI edizione del Meeting per l’amicizia fra i popoli (Rimini, 22-28 agosto 2010)

Fotografie di Chris Niedenthal
Testi di Luigi Geninazzi, Annalia Guglielmi
A cura di Sandro Chierici, Annalia Guglielmi, Daria Rescaldani

«A prescindere dall’età e dalla nazionalità noi tutti siamo nati a Budapest, siamo andati a scuola a Praga, ci siamo fatti le ossa nei lager sovietici e infine abbiamo raggiunto la maturità nei cantieri di Danzica».
Vladimir Bukovskij