Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita per ordini superiori a € 29,90

Classica majestas

Il ritorno all'antico da Arnolfo a Giotto

Versione cartacea

A cura di: Marco Bona Castellotti
Editore: ITACA
Pagine: 112
Genere: Arte e letteratura
ISBN: 9788852601309
Tipologia: Libro
Formato: 19,7x24,7
Collana:
Anno di edizione:
Note: illustrazioni a colori
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 4,75 € 5,00
-5%

Disponibile

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 25.15
A cura di: Marco Bona Castellotti
Editore: ITACA
Pagine: 112
Genere: Arte e letteratura
ISBN: 9788852601309
Tipologia: Libro
Formato: 19,7x24,7
Collana: Cataloghi
Anno di edizione: 2006
Note: illustrazioni a colori
Il ritorno alla tradizione classica, che nelle arti figurative è concomitante alla ripresa di particolari canoni formali, è il fulcro di un vasto fenomeno che si configura già a partire dall’alto medioevo.
Tale fenomeno ha radici culturali profonde e non lo si può considerare unicamente come un insieme di fatti d’arte.
Lo spirito della renovatio dell’antico si determina nell’esaltazione della classica majestas (classica maestosità), termine che vuole riassumere tanto un significato estetico, che si incarna nella grandiosità di certe forme, quanto un valore etico, che scaturisce dalla memoria storica e dal riconoscimento dell’auctoritas della romanità stessa.
Il ritorno all’antichità anima la rinascenza del Due e Trecento con uno spirito diverso da quello che si manifesterà più tardi, in età rinascimentale, e si evidenzia nelle opere di alcuni sommi artisti che fanno variamente ricorso a moduli classici.
Nell’arco temporale compreso tra il 1270 e il 1330 circa questa grandiosa “rinascenza” ha giocato le sue carte. Artisti come Nicola Pisano, Arnolfo di Cambio, Pietro Cavallini, Giotto, Andrea Pisano e Giovanni Pisano sono i più grandi, ma non i soli, protagonisti di questo “maestoso” ritorno alla classicità.

Catalogo della mostra realizzata in occasione della XXVII edizione del Meeting per l'amicizia fra i popoli (Rimini)