Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita per ordini superiori a € 29,90

Budapest 1956

Antologia di documenti

Versione cartacea

A cura di: Sandro Chierici
Editore: ITACA
Pagine: 168
Genere: Totalitarismi
Altri generi: Storia contemporanea
ISBN: 9788852601286
Tipologia: Libro
Formato: 12,5x19
Collana:
Anno di edizione:
Note: inserto fotografico in b/n fuori testo
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 9,50 € 10,00
-5%

Disponibile

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 19.90
A cura di: Sandro Chierici
Editore: ITACA
Pagine: 168
Genere: Totalitarismi
Altri generi: Storia contemporanea
ISBN: 9788852601286
Tipologia: Libro
Formato: 12,5x19
Collana: Al cuore della storia
Anno di edizione: 2006
Note: inserto fotografico in b/n fuori testo
Il 23 ottobre 1956 una dimostrazione di studenti e operai nel centro di Budapest dava inizio a una rivolta popolare contro la politica repressiva del governo filosovietico. Nel breve arco di due settimane la rivoluzione fu stroncata con l’intervento dell’esercito russo.
Questa antologia di documenti attraverso i comunicati delle radio, testi poetici, gli interventi del cardinale Mindszenty e di Pio XII, il dibattito all’interno della sinistra italiana e la voce decisa della Chiesa, ci fa rivivere in presa diretta il dramma che si consumò in Ungheria.
A distanza di cinquant’anni il grido di amore alla libertà del popolo ungherese conserva piena attualità.

Antologia di documenti realizzata in occasione della mostra Budapest 1956. La rivoluzione. Reportage fotografico di Erich Lessing, presentata alla XXVII edizione del Meeting di Rimini

«Nei loro occhi non c’è una decisione coraggiosa, non la temerità eroica, ma un sollievo felice. Insieme o da soli vanno incontro ai carri armati, ai cannoni, alle mitragliatrici pronte a sparar loro. Niente è loro più caro della loro dignità umana riguadagnata.»
Géza Ottlik