Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie. Ulteriori informazioni
Ok

Dalla selva oscura al Paradiso

La Divina Commedia letta con i carcerati

Versione
cartacea
€ 14,00
Disponibile
Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 10.90
Tipologia
ISBN
9788852605154
Genere
Altri generi
Editore
Collana
Pagine
192
Formato
14x21
Anno
Questo volume raccoglie un ciclo di letture organizzato per i detenuti del carcere di Opera (Milano) con l’intento di descrivere il percorso umano che ha condotto Dante dalla selva oscura al bene supremo del paradiso, cioè il destino buono che attende ogni persona che lo cerca e lo domanda.
«Il Paradiso è la compiuta felicità per cui l’uomo si sente nato e a cui la mano della Provvidenza può guidarlo a partire da qualsiasi selva oscura. Dante è l’uomo della speranza: egli vuole testimoniare di aver visto dove può arrivare – anzi, dove è destinato ad arrivare – il cammino umano e che vale la pena fare il cammino anche nei momenti più gravi e faticosi perché c’è un punto di arrivo buono e certo. Leggere il Paradiso vuol dire farsi accompagnare da Dante fin nel cuore di questa positività e di questa speranza. Allora apparirà utile, anzi necessario, fare anche il percorso dell’Inferno e del Purgatorio, perché sono passi verso questa meta» (dall’introduzione dell’autore).
Questo volume raccoglie un ciclo di letture organizzato per i detenuti del carcere di Opera (Milano) con l’intento di descrivere il percorso umano che ha condotto Dante dalla selva oscura al bene supremo del paradiso, cioè il destino buono che attende ogni persona che lo cerca e lo domanda.
«Il Paradiso è la compiuta felicità per cui l’uomo si sente nato e a cui la mano della Provvidenza può guidarlo a partire da qualsiasi selva oscura. Dante è l’uomo della speranza: egli vuole testimoniare di aver visto dove può arrivare – anzi, dove è destinato ad arrivare – il cammino umano e che vale la pena fare il cammino anche nei momenti più gravi e faticosi perché c’è un punto di arrivo buono e certo. Leggere il Paradiso vuol dire farsi accompagnare da Dante fin nel cuore di questa positività e di questa speranza. Allora apparirà utile, anzi necessario, fare anche il percorso dell’Inferno e del Purgatorio, perché sono passi verso questa meta» (dall’introduzione dell’autore).
continua a leggere
© Itaca srl - P.IVA 02014470393 - 2007-2015 - Tutti i diritti riservati - Informazioni societarie -
Grafica e Comunicazione:
Andrea Cimatti

Piattaforma eCommerce e Sviluppo sito:
Endurance
Credits